Recensione “Alla ricerca di Dory”

in Notizie da

I pesci non sono fatti per vivere rinchiusi. L’acquario ti cambia dentro.

TRAMA: Il cartone è ambientato un anno dopo de “Alla ricerca di Nemo”, ma questa volta la protagonista è Dory, il pesce chirurgo che ci aveva fatto divertire nel primo film con i suoi vuoti di memoria. L’avventura inizia quando Dory ripensa improvvisamente dei suoi genitori e decide di volerli ritrovare. Aiutata da Nemo e Marlin intraprende un lungo viaggio verso la California, l’ultimo posto dove ricorda di averli visti. La ricerca continua grazie a dei continui piccoli ricordi che Dory ha e che le permettono di proseguire il suo viaggio arrivando al parco Oceanografico dove grazie al polpo Hank ritrova vecchi amici e continua da sola, perché nel frattempo Marlin e Nemo sono rimasti indietro e devono ritrovarla.

CAST: Le voci sono le stesse del primo film: Dory è Carla Signoris, Marlin è Luca Zingaretti, Nemo è Gabriele Meoni, Hank è Ugo Maria Morosi, ed è presente anche la voce di Licia Colò che interpreta sè stessa.

REGIA:  Il film è diretto da Andrew Stanton, già regista de “Alla ricerca di Nemo” e “Wall-E”. Sono presenti lunghe carrellate in mezzo all’oceano che trasmettono la sensazione di nuotare e viaggiare insieme ai protagonisti.

LOCATION: Le location principali, come già scritto, sono l’oceano, che è stato creato con una grafica perfetta e molto realistica grazie anche alle diverse atmosfere create dalla presenza dei raggi del sole che trapassano l’acqua e fanno da sfondo al film, e il Parco Oceanografico della California in cui sono presenti tantissime specie di pesci anche questi disegnati perfettamente, che quasi ci si dimentica che il film è un cartone animato.

CONCLUSIONE: Il film è molto bello sia per la trama intrigante, i personaggi scherzosi e divertenti e sia per le tematiche che vengono trattate. Il film fa capire che le imperfezioni possono essere superate, infatti nel Parco Oceanografico sono presenti specie di pesci che hanno malattie o problemi, che gli stessi pesci riescono a superare grazie alla loro determinazione e alla forza dell’amicizia. Il film è adatto a tutti, perché ognuno può imparare qualcosa da questo film, sia bambini, che adulti.

VOTO: 9

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*