Recensione “Sully”

in Drammatico/Recensione da

Quarant’anni di volo alle spalle, e alla fine sarò giudicato in base a 208 secondi.

 

La pellicola narra la storia del comandante Chesley Sullenberger; egli viene posto sotto inchiesta dopo aver salvato 155 passeggeri in un ammaraggio sul fiume Hudson il 15 gennaio 2009, con l’accusa di avventatezza ed incompetenza nonostante la sua esperienza quarantennale di volo. La commissione di inchiesta del Dipartimento del Trasporto aereo dovrà arrendersi all’evidenza. La commissione lo vede come una persona ostile, ma per i cittadini newyorkesi è un eroe.

CAST: I protagonisti del film sono Tom Hanks (Chesley ‘Sully’ Sullenberger) e Aaron Eckhart (Jeff Skiles); vi sono personaggi secondari importanti come Laura Linney (Lorraine Sullenberger), Anna Gunn (dott. Elizabeth Davis), Mike O’Malley (Charles Porter) e Autumn Reeser (Tess Soza).

REGIA: Il film è diretto da Clint Eastwood, regista, attore e produttore cinematografico statunitense noto per pellicole western come “Lo straniero senza nome“, “Il texano dagli occhi di ghiaccio” e “Per un pugno di dollari“; ma vi sono altre pellicole molto conosciute come “American Sniper“, “Gran Torino“, “Nel centro del mirino” e “Invictus – L’invincibile“. Le riprese sono molto dinamiche ed immersive.

LOCATIONS: Per un tratto di film la location principale è il fiume Hudson, mentre di seguito abbiamo la camera d’albergo dove soggiorna Sully, il tribunale, e la magnifica New York.

CONCLUSIONE: Clint Eastwood ha diretto un capolavoro; sono rimasto molto soddisfatto dal risultato finale, poichè la trama è veramente immersiva. Grazie alla recitazione degli attori, e alle riprese realizzate, le emozioni che si provano durante alcune scene sono incredibili; l’incidente, all’interno del film, viene visto da molte prospettive, come quelle dei piloti, dei passeggeri, dei cittadini, e quelle del Dipartimento del Trasporto. Tutto ciò ti permette di vivere diverse emozioni, e vi assicuro che ho avuto più di una volta la pelle d’oca. Eastwood è riuscito a raccontare per filo e per segno la mattinata, e non solo, del 15 gennaio 2009 senza perdere alcun dettaglio (grazie anche all’aiuto del pilota Chesley Sullenberger che è stato presente sul set). Veramente ottima la recitazione di Tom Hanks, che è entrato molto bene nella parte del pilota; guardando i suoi occhi, si possono vedere tutte le emozioni che il pilota Sully ha provato in quei devastanti giorni: rabbia, ansia, paura e tristezza. Nulla da aggiungere, veramente un capolavoro. Consiglio la visione a tutti, anche se potrebbe risultare noioso per i più piccoli.

VOTO: 8,5

Recensione a cura di Simone Canfora

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.