Recensione “Natale a Londra – Dio salvi la Regina”

in Commedia/Recensione da

Due fratelli figli di un boss romano decidono di mettere in atto una grande truffa per aiutare loro padre. Aiutati da alcuni vecchi amici e conoscenti residenti a Londra, tentano di rubare i cani della Regina d’Inghilterra per chiedere il riscatto.

CAST: Gli attori principali sono Lillo (Erminio), Greg (Prisco), Nino Frassica (‘U Barone), Paolo Ruffini (Vanni) e Eleonora Giovanardi (Anita).

REGIA: Il film è diretto da Volfango De Biasi, al suo terzo film di Natale con Lillo e Greg. E’ una regia che si adatta molto alle situazioni narrate, durante i dialoghi comici è statica, mentre nelle sequenze d’azione è molto movimentata e confusionaria, riuscendo a cogliere l’attenzione dello spettatore.

LOCATIONS: Il film è stato girato interamente a Londra, tranne alcune scene inziali ambientate a Roma.

COMMENTO: Questo film pur chiamandosi “Natale a Londra”, pur essendo prodotto dalla Filmauro, pur essendo uscito nel periodo natalizio non è un cinepanettone. E’ un action-comedy che usa diversi tipi di comicità: gli equivoci, le gag, i giochi di parole. Il film riesce spesso a far divertire, anche se però per la maggior parte del tempo le parti divertenti fanno sorridere e non ridere, a causa della scontatezza e della prevedibilità delle situazioni comiche. Lillo è il personaggio più divertente, interpretando una parte buffa, stupida e imbranata alla perfezione, mentre Greg diverte con la sua doppia personalità. Nel film, però, alla comicità viene contrapposta l’azione, con risse, scazzottate e inseguimenti. Queste parti, forse, sono state troppo lunghe a volte, distogliendo l’attenzione dal vero obiettivo del film: far ridere. Il Natale è solo un contorno e l’atmosfera natalizia è quasi inesistente tranne che qualche luce colorata e qualche babbo Natale buttato a casaccio. Comunque sia è un film riuscito e divertente, ma che non eccelle.

VOTO: 7

Recensione a cura di Tommaso Contini

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*