Rutger Hauer, Roy Batty nel primo “Blade Runner”, non ha apprezzato il sequel

in Notizie da

Come è ormai ben risaputo, “Blade Runner 2049”, il sequel del cult di Ridley Scott, nonostante sia stato un enorme insuccesso commerciale, è stato ben accolto dalla maggior parte del pubblico e della critica, riuscendo ad aggiudicarsi 5 nomination alla prossima edizione degli Oscar. Tuttavia i detrattori del film non sono mancati e tra questi troviamo Rutger Hauer, lo storico interprete del replicante “Roy Batty” nel primo “Blade Runner”. Hauer, in un’ intervista a THR, sostiene di aver trovato il film di Denis Villeneuve “senza anima e senza amore” traendo quindi conferma alle proprie paure e ai propri dubbi iniziali in merito alla realizzazione di un sequel. Di seguito le parole dell’attore olandese:

“Penso solo che se qualcosa è così bello, dovresti semplicemente lasciarlo stare e fare un altro film. (…) Sotto molti punti di vista, Blade Runner non riguardava i replicanti, ma si chiedeva che cosa significasse essere degli umani. È tipo E.T… ma non sono sicuro quale fosse la domanda del secondo film. Non è un film incentrato sui personaggi e non ha umorismo, non c’è amore, non c’è anima. Puoi vedere che omaggia l’originale, ma non è abbastanza per me. Sapevo che non avrebbe funzionato, ma non è importante quello che penso”.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.