"Chiamami col tuo nome" Tunisia

“Chiamami col tuo nome” vietato in Tunisia

in Notizie da

“Chiamami col tuo nome” , il nuovo film del regista italiano Luca Guadagnino, candidato a 4 premi Oscar, tra cui miglior film, è stato censurato in Tunisia.

A volere il divieto sarebbe stato il ministero degli affari culturali tunisino stesso, il quale ha rifiutato di rilasciare il visto di proiezione nelle sale cinematografiche del paese.  A rendere noto ciò tramite Facebook è stato il cinema Le “Colisée” di Tunisi, che avrebbe direttamente ricevuto l’obbligo di non proiettare il film.

Secondo i media locali le motivazioni ufficiali sarebbero quelle di “evitare problemi” dato il delicato argomento trattato dalla pellicola di Guadagnino.

Già in passato molti altri film sul tema dell’omosessualità vennero censurati in Tunisia. “La vita di Adele” infatti, noto film del regista franco-tunisino Abdellatif Kechiche, che nel 2013 vinse la palma d’oro a Cannes venne censurato. Stessa sorte toccò al film documentario tunisino “Upon the shadow” di Nada Mezni Hafaiedh, che pur avendo vinto il Tanit di Bronzo alle Giornate cinematografiche di Cartagine dello scorso anno, poi non trovò spazio nelle sale cinematografiche.

Intanto ricordiamo che “Chiamami col tuo nome” è attualmente in sala e narra del  struggente  rapporto di amicizia e amore che nasce tra due ragazzi e che li accompagnerà negli anni a venire. Elio Perlman, diciassettenne ebreo italiano, musicista e molto maturo per la sua età, figlio di un professore universitario che ogni anno accoglie nella sua casa sul mare uno studente impegnato nella lavorazione della tesi di dottorato. Oliver, ventiquattrenne anch’esso ebreo ma statunitense, conquista subito la famiglia e la gente del posto con la propria bellezza, simpatia e coi suoi modi bruschi e americani. Elio se ne innamora pressoché immediatamente e dopo un gran numero di gentilezze e incomprensioni reciproche, i due giovani si lasciano trasportare dalla passione.

Il film è inoltre il più quotato a vincere il premio come migliore sceneggiatura non originale alla prossima edizione della notte degli Oscar, che si terrà domenica 4 marzo 2018

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.