highlander 1

In arrivo il reboot di “Highlander”

in Notizie da

“Highlander” il film cult del 1986 diretto da Russell Mulcahy, con protagonista Christopher Lambert, avrà presto un reboot.

Era ormai dal 2008 che la casa di produzione Summit Entertainment e la Lionsgate cercavano di riportare sul grande schermo gli immortali creati dallo sceneggiatore Gregory Widen, pur non arrivando mai a concretizzare il progetto.

Ora, invece, sembrerebbe che la lavorazione del reboot sia ufficialmente in corso.

Il presidente dalla Lionsgate Patrick Wachsberger infatti, ha recentemente annunciato che, dopo anni, avrebbe finalmente pronta una prima stesura della sceneggiatura curata da Ryan Condal (“Hercules, Rampage”), dicendosi entusiasta e fiducioso del progetto, tanto da realizzarne un franchise:

Siamo molto felici del risultato. Abbiamo una storia già pronta per potenziali sequel”.

A dirigere la pellicola sarà Chad Stahelski, il quale ha dimostrato la sua bravura di regista nei due ottimi action “John Wick” (2015) e “John Wick – Capitolo 2” (2016).

Stahelski, che per “Highlander” avrebbe in mente una trilogia, potrebbe mettersi al lavoro verso la fine di quest’anno, una volta concluse le riprese di “John Wick – Capitolo 3”. Non è escluso quindi che potremmo vedere la pellicola in sala già nel 2019.

Di seguito la sinossi del film originale:

Stando ad una antica leggenda, un certo numero di “immortali” è in circolazione nel mondo e anche a New York ve n’è uno, che fa l’antiquario: è Connor MacLeod, uno scozzese che nel 1536, quale rampollo di una nobile famiglia di un clan di Highlander, lottò contro Kurgan (Clancy Brown), feroce capo di un clan rivale, restando gravemente ferito. Scacciato per superstizione dagli abitanti del suo villaggio, il giovane conosce e sposa la bella Heather, finché un giorno Ramirez (Sean Connery), un nobile spagnolo (immortale pure lui), lo trova tra rocce e pecore e gli svela che sia lui che Kurgan sono della razza che sfida il tempo, destinati tutti, nei secoli a venire, a lottare tra loro, fino alla “Grande Adunanza” dei rarissimi superstiti. Ogni incontro tra i superdotati non può concludersi che con la decapitazione del più debole.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.