Avengers

Recensione Avengers-Infinity War, nuovo capitolo dei Marvel Studios

in Azione/Drammatico/Recensione da

La fine è vicina e allora metà dell’umanità continuerà ad esistere perfettamente bilanciata… come tutto dovrebbe essere…

Avengers – Infinity War, 19° capitolo del Marvel Cinematic Universe, rappresenta il punto più alto del lungo arco narrativo iniziato nel lontano 2008 con Iron Man.
Thanos, che ha da sempre tramato nell’ombra, capisce che è arrivato il momento di agire in prima persona. Inizia quindi la ricerca delle Gemme dell’Infinito, antichi manufatti sparsi nell’universo, per riuscire a raggiungere il suo obbiettivo più grande: riequilibrare l’intero universo.
Per farlo, dovrà scontrarsi con gli Avengers, che cercheranno di proteggere le Gemme dell’Infinito a ogni costo.

CAST: Avengers – Infinity War è a tutti gli effetti un film corale, che presenta numerosi personaggi al suo interno. Nel cast tornano attori veterani, già incontrati in numerosi film precedenti, come Robert Downey Jr., Chris Evans, Chris Hemsworth, Chris Pratt, Mark Ruffalo e Scarlett Johansson, affiancati da attori entrati da poco a far parte di questa saga, quali Benedict Cumberbatch, Tom Holland, Chadwick Boseman, Danai Gurira e Peter Dinklage.
In questo immenso gruppo di personaggi, però, uno fra tutti spicca per importanza: stiamo parlando di Thanos, il villain del film, interpretato da Josh Brolin. Il Titano Pazzo, infatti, risulta essere il vero protagonista della pellicola, tanto che gli Avengers vengono quasi messi in secondo piano, per avere così il tempo necessario di tratteggiare alla perfezione la figura di Thanos, il villain più profondo e riuscito di tutto il MCU. Le sue motivazioni, seppur neanche lontanamente condivisibili, sono comprensibili dallo spettatore, e in questa pellicola il personaggio è anche caricato di un pathos inaspettato, che illumina di luce nuova il Titano, mettendone in risalto sfumature diverse.
Altri protagonisti del film, infine, sono le Gemme dell’Infinito con i loro poteri, le quali vengono presentate come veri e propri esseri senzienti.

REGIA: Avengers – Infinity War è diretto dai fratelli Russo, registi anche di Capitan America: Il Primo Vendicatore e Capitan America: Civil War. La regia della coppia è senz’altro notevole, sicuramente sono tra i registi migliori all’interno della rosa registica del MCU, anche se, in questo caso, alcune scene possono risultare banali e la messa in scena di altre poteva essere pensata e strutturata meglio, con meno frettolosità. La gestione dei tempi è ottima, ogni personaggio ha il suo tempo all’interno della pellicola, senza che alcuni siano nettamente più presenti di altri. Purtroppo, lo sviluppo narrativo di alcuni personaggi risulta meglio articolato e più interessante rispetto ad altri, a cui viene riservata un’attenzione minore.

LOCATION: Le riprese si sono tenute ai Pinewood Atlanta Studios e in diverse parti del mondo, tra cui: Scozia, dove le riprese si spostarono tra Edimburgo, Glasgow e le Highlands; Inghilterra, nella cattedrale di Durnham; infine la produzione si spostò a Downtown Atlanta, usata come set per delle scene ambientate a New York, e nel Queens, NY.
Nel film, oltre alle scene ambientate sulla Terra, viene mostrato qualcosa in più del grande Universo Marvel, e potremo così esplorare nuove aree della galassia marvelliana, dove si svolgeranno alcuni momenti importanti della trama.

COMMENTO: La pellicola propone una sana dose di azione frenetica e intrattenimento allo stato puro. Si tratta, a tutti gli effetti, di un crossover monumentale senza eguali, con tanti personaggi raggruppati finalmente tutti insieme in un unico film. Le interazione tra gli stessi, soprattutto tra coloro che si trovano a collaborare per la prima volta, sono molto interessanti, rivelando diversi lati della personalità di ognuno di essi.
La scrittura della storia, eccetto qualche buco di trama, è buona, anche se a volte la sceneggiatura, soprattutto in alcuni dialoghi, può risultare semplice e banale.
La comicità è presente, come in ogni film targato Marvel, ma non è esasperata, e anche se forse è inutile in alcune scene, è stata affidata a personaggi da cui è più che accettabile, proprio perchè non snatura la loro caratterizzazione originale. Anche le musiche che compongono la colonna sonora, orchestrata da Alan Silvestri, sono da elogiare, grazie anche alla scelta di riprendere, finalmente, il tema originale degli Avengers dall’omonimo film del 2012 e riadattarlo, in chiave più epica, alle atmosfere di questo nuovo capitolo. Avengers – Infinity War ha inoltre una grande responsabilità: tirare le fila di tutte le varie linee narrative sviluppatesi dal 2008 ad oggi e spiegare alcune di esse, trovandone un epilogo.
Allo stesso tempo, però, il film fa sorgere nella mente dello spettatore numerosi nuovi dubbi e nuove teorie, lasciate momentaneamente in sospeso fino, si presume, all’epilogo di questo primo grande arco narrativo con Avengers 4, che ricordiamo non avere ancora un titolo ufficiale. Per finire, è doveroso un piccolo avvertimento: per gli amanti del genere Marvel, il film è “emotivamente devastante”, e se pensate di essere pronti a vedere ciò che succederà, sicuramente non lo sarete. Un’ultima cosa: non abbiate fretta di abbandonare la sala, potreste pentirvene.

VOTO: 7.6

2 Comments

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.